Il  churrigueresco  è un palcoscenico e uno stile di architettura di Spagna , che è stato dato al momento del barocco , ed è venuto al nuovo mondo , come negli edifici costruiti negli viceré di Perù e Nuova Spagna (dove era conosciuto come  barocco anti-classico  ).

Definizione

Il termine churrigueresco deriva dal cognome Churriguera . La Churriguera era una famiglia di architetti barocchi il cui lavoro era caratterizzato dal fatto che presentava una decorazione decorata. Per estensione, il termine è stato usato per riferirsi al barocco spagnolo del primo terzo del diciottesimo secolo . Tutte quelle architetture che possedevano un movimento marcato e una ornamentazione variegata erano comprese dai churriguerescas, specialmente nelle pale d’altare.

Questo stile è una variante dello stile barocco che ha più ornamenti. Erano costruzioni di pale d’altare effimere e anche nella cosa architettonica.

Il primo dei Churriguera era José de Churriguera (1665-1725), che è stato addestrato come un assemblatore di pale d’altare , producendo alcuni molto importante per i vari templi di Salamanca , Madrid , Valladolid e altre città spagnole. Alcuni sono scomparsi e attualmente solo alcune tracce sono conservate.

Inoltre Francisco de la Maza , ha detto che il termine churrigueresco non viene utilizzato solo per barocca con lesene , dal momento che “molte opere o quasi tutto funziona molto ornato e corrispondono, in Spagna, dal 1689 al 1730 pilastri comuni, e Messico dal 1725 al 1780, più o meno, poiché uno è il senso della volontà di forma che presiede a queste opere ».

Quindi il Churrigueresco non è uno stile architettonico, è piuttosto uno stile scultoreo e decorativo.

Storia

Le forme del barocco in Spagna e in Messico avevano due modi speciali: la colonna solomonica e il pilastro stípite:

“E ‘stato chiamato il primo e il secondo barocco salomonico, con battute d’arresto e l’opposizione, barocco Churrigueresco, due aggettivi derivati da un completo nome di essere due personaggi molto diversi: un re ebraico e un architetto di Madrid”.  1

La colonna barocca salomonica ha la sua origine a Roma, nella cappella di San Pietro: “Si credeva come il tempio di Salomone, dato al papa dal sultano Bayezid . Si tratta di una colonna certamente di origine orientale ondulata e torcere la sua cavatappi staminali, ma si è già ellenistica sua capitale Jonico . ”  1

Mentre la nazione caposcala estípite anche in Grecia, la sua forma è caratterizzata da piedistalli nella forma di una piramide rovesciata, troncato e alto “è servito a mettere busti di eroi e divinità e soprattutto Hermes e Mercury .”  1

I Romani e il Rinascimento continuarono a usare il gambo: “Continuarono a esibirsi allo stesso modo e quest’ultimo lo incorporò nelle strutture architettoniche, dandogli lo status di un pilastro, in modo che appaia un capitale, oppure, il busto emerge con tutto il busto e alza le mani servendo come atlantean o caryatid. ”  2  Così nel diciassettesimo secolo fu fatto in volumi e fu portato al massimo sviluppo da José Benito Churriguera : “La scanalatura non fu fatta in volumi fino alla seconda metà del diciassettesimo secolo , in modo incompleto, da Barromini e già completa, con sezioni e capitali nuovi e precisi, di Benito de Churriguera ».  1

Caratteristiche

Sebbene il gambo sia caratterizzato dal rappresentare uno schema geometrico del corpo umano:

«La capitale è la testa; il cubo o la sezione bulbosa è il petto; il restringimento tra il cubo e la parte superiore della piramide rovesciata sarebbe la vita; la stessa piramide rende chiaramente la figura di fianchi e gambe, restringendosi mentre scende ai piedi ».  1

Manuel González Galván sottolinea che questa astrazione è dovuta a un simbolismo franco e umanistico o più della stessa Grecia, dove il Dorico era considerato , robusto e sobrio, come rappresentante del maschile e dello Ionico, più snello e curvo, del femminile . I romani vennero a presentarlo sessuato ma il pilastro barocco, nella sua astrazione asessuata e rigorosa, è più vicino all’umano di quelle interpretazioni fatte sul classico. Ma per Francisco de la Maza questo lo indica come parte dell’influenza latina perché si basa sull’idea che coincide con la sensibilità dell’arte precolombiana , scultorea per eccellenza e con la sensibilità degli indigeni messicani.

In Spagna

Nel 1689 l’architetto José Benito de Churriguera usò per la prima volta il pilastro nella pira funebre della regina Maria Luisa de Orléans , raggiungendo così il suo splendore e il suo uso.

Ancora oggi, in Spagna, puoi vedere le seguenti costruzioni e monumenti con lo stile churrigueresco:

  • Pala d’altare del convento di San Esteban a Salamanca .
  • Pala d’altare della chiesa del monastero di Sancti Spiritus el Real a Toro .
  • Pala d’altare della parrocchia di Santiago Apóstol a Navas de Oro .
  • Pala d’altare della parrocchia di San Sebastián a Cercedilla .
  • Popolazione di Nuevo Baztán (chiesa di San Francisco Javier e palazzo Goyeneche ).
  • Coro della nuova cattedrale di Salamanca .
  • Plaza Mayor di Salamanca .
  • Pala d’altare della Chiesa di San Lorenzo a Valencia
  • Pala d’altare della chiesa Nostra Signora degli Angeli a Chelva (Valencia) (in fase di ricostruzione)
  • Ermita de la Vera Cruz , a Salamanca .
  • Seminario di Calatrava , a Salamanca .
  • Copertina anteriore della facciata principale del Palazzo di San Telmo (Siviglia)
  • Palazzo Goyeneche, a Illana (Guadalajara)
  • Pala d’altare principale della chiesa di Nostra Signora dell’Assunzione , a Illana – Guadalajara .

In Messico

In Messico questo stile “radici con tale forza e vigore, che più somiglia pianta originaria trapiantato, perché non è stata vana nelle ricche terre di Anahuac , dove si produce il suo frutto più esperti”.  1

I rappresentanti in Messico sono Jerónimo de Balbás  3  e Lorenzo Rodríguez .

Balbás inizia con la cattedrale, nelle pale d’altare dei Re e Siamo spiacenti , questa pala risale per iniziare nel 1718 e terminare nel 1737,  tre  date fornite dal  Gaceta de Mexico  , al numero 118. Mentre Lorenzo Rodriguez con built Sagrario 1749-1762, il tutto in Città del Messico .

Nel Vicereame della Nuova Spagna , poi in Messico, sono considerate le più belle opere del churrigueresque della Basilica Cattedrale di Zacatecas in Zacatecas ;  4  il Tempio del Carmen , a San Luis Potosí ; Guadalupe Tempio e il Tempio del Signore di El Encino in Aguascalientes ; la facciata del Tempio di San Francisco , a Puebla ; la parrocchia di Santa Prisca , in Taxco , Gro. ; la facciata della chiesa di San Francisco a Oaxaca , la parrocchia ex a Salamanca, Guanajuato ; la facciata e l’altare maggiore del Tempio di San Francisco Javier ( Museo Nazionale del Vicereame ) in Tepotzotlán , Messico , considerato il più importante Churrigueresque Baroque Works effettuata dai Gesuiti in Nuova Spagna. Nella città di Guanajuato evidenziare la chiesa dei gesuiti, la chiesa di San Cayetano e la chiesa di San Diego. Nello stato di Hidalgo stile è rappresentato dalla parrocchia di San Miguel a Atitalaquia .

Città del Messico sono rappresentativi della Altare dei Re della Cattedrale Metropolitana e le copertine del Sagrario che è ad esso allegato. Lo stesso stile appartengono Miguel Lerdo de Tejada Biblioteca , Cappella del Balvanera del tempio di San Francisco el Grande , la Chiesa della Santissima Trinità e la parte anteriore della chiesa di Santa Veracruz , il San Ildefonso Collegio e Colegio Maximo San Pedro e San Pablo tutti situati nel centro storico .

Degno di menzione è la casa del Conte di Suchil in Victoria de Durango e Casa Alfeñique a Puebla per essere stato uno dei pochi esempi di Churrigueresque civile nel paese e la Basilica di Ocotlan a Tlaxcala e la Chiesa di Nostra Signora Santa Ana in Iztacalco , che hanno un Churrigueresque popolare.

In Perù

Facciata della Basilica di Nostra Signora della Misericordiaa Lima.

Nel Vicereame del Perù , il più rappresentativo di questo stile architettonico edifici religiosi sono la Basilica e il Convento di San Agustin e la Basilica e il Convento di Nostra Signora della Misericordia , entrambi costruiti nella capitale Lima , nel corso del secolo XVI ; e la Cattedrale e la Chiesa di San Antonio , nella città di Huancavelica , costruiti nel corso dei secoli XVI e XVII .

Vedi anche

  • Joaquín Churriguera
  • Alberto de Churriguera
  • Nicolás Churriguera
  • Manuel de Lara Churriguera
  • José de Lara Churriguera
  • Ildefonso de Iniesta Bejarano e Durán
  • Novohispano barocco

Riferimenti

  1. ↑ Vai a: un  f  de la Maza, Francisco (1969).  Il Churrigueresco a Città del Messico  . Messico: Fondo de Cultura Economica.  ISBN  9.789.681,620424 millions  .
  2. Torna all’inizio↑ González Galván, Manuel (1961). «Modalità del barocco messicano» .  Annali dell’Istituto di ricerca estetica  VIII  (30).  ISSN  1870-3062  . Estratto il 21 aprile 2017 .
  3. ↑ Vai a: b  «Il Churrigueresco del XVIII secolo» . Estratto il 6 maggio 2017 .
  4. Torna all’inizio↑ «Churrigueresco» . Estratto il 6 maggio 2017 .