È inteso  dall’architettura jong  o  dzong  (in tibetano : རྫོང་, nella traslitterazione Wylie :  rDzong  ) allo stile in cui è stata costruita una serie di punti di forza – il monastero nelle regioni del sud dell’Himalaya , visibile soprattutto in Bhutan .  1  Gli spazi, i cortili e gli edifici sono definiti da una massiccia costruzione di mura con torri. Queste fortificazioni sono state costruite per scopi militari, religiosi (servivano come dimora per i monaci buddisti ) e amministrative.

jongs  o gli  dzong  esistono fin dai primi secoli del secondo millennio, anche se la sua era di splendore era il diciassettesimo secolo .

Caratteristiche

  • Alte pareti di mattoni e pietra dipinte di bianco. Alla loro base hanno pochissime finestre.
  • Bande rossastre vicino alla sommità delle pareti, a volte punteggiate da grandi cerchi dorati.
  • Suoli dei templi in stile cinese .
  • Enormi ingressi costruiti in legno e ferro.
  • Cortili interni e templi profusamente decorati con motivi buddisti.

I dzong in Bhutan

In Bhutan, gli dzong fanno parte della loro organizzazione territoriale, costituendo un caso particolare nel mondo di oggi. Ogni dzong è a capo di un distretto, e al suo interno si dividono tre poteri: esecutivo, legislativo e giudiziario. Inoltre, è la sede del governo sia politico che religioso (buddista).  2

Esempi

  • Garza Dzong
  • Dzong Tashichoe
  • Dzong Punakha

Riferimenti

  1. Torna in cima↑ Royal Ark
  2. Torna all’inizio↑ Rennie, Frank, Robin, Mason;  Bhutan: modi di conoscere  , p. 193. Ed. IAP ( 2008 ). ISBN 978-1-59311-735-1 .